FlexScan EV2780: Il monitor a 27 pollici munito del nuovo standard USB di tipo C

EV2780-WT Serie EcoView

Esteticamente gradevole, innovativo e funzionale – il monitor EV2780 occupa poco spazio e fa bella figura su ogni scrivania e si fa apprezzare in qualunque ufficio.

Il modello EIZO FlexScan EV2780 si presenta incredibilmente moderno e funzionale. Con un unico cavo di collegamento è possibile trasformare il monitor in una pratica dock station per tablet, notebook e smartphone. Il connettore USB tipo C offre uno scambio veloce di dati e di flussi audio e video e consente la ricarica di dispositivi mobile attraverso il monitor.

In raffinato colore nero o in elegante chassis bianco: il pannello propone una cornice sorprendentemente sottile di 1 mm. Tra l’area di visualizzazione e la cornice rimane un esile bordo di vetro nero di circa 5.7 mm. Tasti di comando e logo sono incorporati nella superficie ultrapiatta in modo funzionale e pregiato. Ricercato anche il profilo e la parte posteriore del chassis snella ed elegante che si adegua in modo versatile ad ogni impiego.

Il monitor vanta una triplice combinazione vincente: elevata risoluzione di 2.560 x 1.440 pixel, rapporto di contrasto massimo di 1.000:1 e luminosità stabile fino a valori massimi di 350 cd/mq. Vale a dire: i contorni sono distinti, le grafiche brillanti, le immagini dettagliate e nitide. Grazie al pannello con tecnologia IPS con retroilluminazione a LED, cromaticità e luminosità rimangono stabili da ogni prospettiva.

Con un singolo cavo, il monitor EV2780 si trasforma in dock station per collegare notebook, PC e smartphone. L’interfaccia USB consente anche la connessione di segnali d’immagine DisplayPort e segnali audio. E‘ inoltre possibile ricaricare qualunque dispositivo come, per esempio, Mac Book o altro tablet ai livelli di tensione di 15W e 30W. Nella modalità a 30W, il monitor EV2780-WT riduce automaticamente la luminosità per raggiungere la massima ottimizzazione energetica. A questi vantaggi si aggiunge la possibilità di aumentare la velocità di trasferimento dei dati.

Se tutto dipende dalla tonalità, le tabelle cromatiche a 10 bit (LUT) possono rendere un buon servizio: l’assegnazione delle informazioni cromatiche è di gran lunga più precisa di quella offerta da schermi a 8 bit LUT e le gradazioni incredibilmente dettagliate. La gestione del colore propone anche un’impostazione individuale del punto di bianco su valori da 4.000 a 10.000 K ad intervalli di 500 K. È inoltre possibile impostare la saturazione cromatica per colori RGB separatamente.